QUEL TRENO PER INVERNESS di Giovanni Arena

Giovanni, è un ragazzo, che ama viaggiare e conoscere il mondo. Un ragazzo a cui piacciono gli anni '80 e '90, il periodo delle audiocassette, dei walkman, dei vinili e delle macchinette fotografiche usa e getta.

In amore, la vicenda è un poco diversa, sono due anni che non si lascia andare in una relazione, fino a quando, non conosce Stefano.

Decidono di intraprendere un viaggio inconsueto verso la Finlandia passando per la Germania, la Danimarca e la Svezia  sia in treno sia in nave. 

Un viaggio che li porta a conoscersi meglio, a viversi e a perdersi. Il ritorno per Giovanni, non sarà facile da affrontare, troppi ricordi e sensi di colpa.

E, allora, come ricominciare a stare bene se non iniziando da se stessi con un viaggio interiore? 

 

Un romanzo fresco, scorrevole e spontaneo. Un libro che parla non solo della difficoltà di amare, ma soprattutto, della complessità di accettare e amare se stessi.

 

"Cammino sulla spiaggia, sui sassi che si spostano rumorosi sotto i miei piedi. Mi avvicino alla riva. Mi accovaccio e metto una mano in acqua. Respiro. Vivo. Questa è la realtà e finalmente torno a guardarla"